sabato 6 dicembre 2008

A proposito di Gomorra: Maroni, se ci sei, Ti prego, batti un colpo

Gomorra ed il sistema economico mafioso che in essa si annida.
La 'ndrangheta "dalle buche d'oro" e la Brianza dove, come conferma il procuratore capo di Monza, Antonio Pizzi, le organizzazioni criminali “stanno consolidando i loro affari”.
Oltre 70 milioni di euro: a tanto ammonta il valore dei soldi investiti in palazzi e terreni tra Desio, Monza, Lissone, Carate, Seregno e Arcore.
E ancora, l’infiltrazione di persone legate alle cosche nelle pubbliche Amministrazioni “in particolare nella macchina comunale”, nel settore dell’aggiudicazione delle aree e degli appalti: realtà troppo poco studiata in Brianza.
E poi il coinvolgimento nelle inchieste di politici come a Busto Arsizio (dell’ex Presidente dell’Assise Comunale di Milano) e l’allarme contro questo cancro che rischia di rodere la ricca Padania.
Un allarme che parte, però, solo dal basso, dal territorio (sì, anche da Giussano).
Ecco, anticipati solo alcuni dei contenuti dell’interessante inchiesta pubblicata da Mario Portanova su Diario e ripresa, on line, da vorrei.
Un'inchiesta (da leggere) che dipinge un quadro, a dir poco allarmante dell'area tra “Milano, Como, Varese, " in cui "sta avvenendo un mutamento antropologico che la crisi economica potrà solo aggravare”.
Perché, è ormai un dato, dolorosamente, noto che: ”Rispetto al passato c’è meno sicurezza economica, gli imprenditori si trovano spesso in difficoltà, le famiglie sono molto indebitate per la casa, un terreno fertile per l’usura”
E in tutto questo le istituzioni, lo Stato dove sono?
Maroni, se ci sei, Ti prego, batti un colpo.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Emanuela sei Presidente del Consiglio Comunale di Giussano quindi di maggioranza con la possibilità di verificare cosa succede nel settore aggiudicazione delle aree e degli appalti.Potresti aiutare le Istituzioni a combattere questa piaga che si sta purtroppo espandendo anche sul nostro territorio.

emanuela ha detto...

Io non mi tiro certo indietro. Spero che anche gli altri (cittadini inclusi) facciano lo stesso..

stefano ha detto...

Ho letto con piacere il tuo articolo su questo problema così aberrante che intesessa anche il nosto città. Sono d'accordo che noi cittadini dobbiamo impegnarci anche su questo fronte. Voglio però ricordarti che le Istituzioni Comunali devono essere in prima linea se veramente tengono allo sviluppo pulito di quanto amministrano per nostro conto.

emanuela ha detto...

Sono assolutamente d'accordo con te.
E' purtroppo anche vero che può accadere chi è nelle istituzioni non riesca - seppur in buona fede- ad accorgersi di tutto quello che succede...
Non solo perchè, non essendo a libro paga della politica, non è sempre fisicamente presente, ma più semplicemente perchè, magari, fatica a cogliere dove si nasconde "la mafia dalla faccia pulita".
Sappiamo bene che la 'ndrangheta agisce tramite società e professionisti "all'apparenza puliti".
Ecco:io credo che proprio per questo sia importante che anche i cittadini - che sono più presenti nel tessuto sociale- vigilino, e dialoghino con le istituzioni ...