mercoledì 10 dicembre 2014

E la retro (in senso di marcia) continua ....


Il Sindaco Matteo Riva ha nominato revisore dei conti della fondazione Scuola materna Aliprandi la figlia dell'ex Sindaco Franco Riva, condannato lo scorso aprile per bancarotta documentale e patrimoniale con conseguente inabilitazione all'esercizio di impresa commerciale per dieci anni.

Se è vero che le colpe dei padri non DEVONO ricadere sui figli, è altrettanto vero che è indice di una certa schizofrenia istituzionale essere costituiti parte civile nel giudizio penale pendente contro il padre e nominare poi la figlia in un ruolo che implica funzioni di controllo.

Senza voler entrare nel merito delle vicende penali, che competono alla magistratura (l'assoluzione sul PGT è stata appellata dal PM), mi pare che la scelta sia quantomeno politicamente inopportuna.

Il vicesindaco che si asfalta la strada al confronto mi sembra peccato decisamente veniale.

Ecco due interrogazioni presentate questa mattina, per vederci, come si dice meglio...
 
 
Signor Sindaco del Comune di Giussano
Matteo Riva
LORO SEDI
 
OGGETTO: interrogazione
I sottoscritti consiglieri Comunali  Emanuela Beacco e Stefano Tagliabue
                                                           PREMESSO CHE
-         con decreto sindacale n. 30/2014 pubblicato all’albo pretorio il giorno 9.12.2014 il Sindaco ha nominato quale  REVISORE DEI CONTI della FONDAZIONE ' SCUOLA MATERNA GIUSEPPE ALIPRANDI' DI GIUSSANO la dott.ssa Riva Elena
                                                                  RILEVATO CHE
-         la suddetta risulta essere la figlia di Franco Riva, già sindaco di Giussano;
-         con sentenza resa dal Tribunale di Monza, Franco Riva è stato condannato alla pena di anni 2 mesi 6 di reclusione ex art. 62 bis c.p. per bancarotta documentale e patrimoniale con conseguente inabilitazione all’esercizio di un’impresa commerciale ed incapacità ad esercitare uffici direttivi presso qualsiasi impresa per la durata di anni dieci.
PREMESSO ALTRESI’ CHE
-          Il Comune di Giussano risulta essere costituito quale parte civile nel giudizio celebratosi dinnanzi al tribunale di Monza a carico, tra gli altri, di Franco Riva e Massimo Ponzoni;
 
OSSERVATO INFINE CHE
-          le normative che disciplinano le incompatibilità e le disposizioni sulla trasparenza nella p.a., estendono i relativi divieti/e/o adempimenti fino ai parenti di secondo grado (moglie, figli e fratelli);
Tutto ciò premesso
SI CHIEDE
a)    di voler confermare se Elena Riva sia effettivamente la figlia dell’ex Sindaco
b)    se il Sindaco fosse a conoscenza del legame di parentela sopra ricordato;
c)    per quali ragioni il Sindaco abbia deciso di nominare la suddetta Elena Riva revisore dei conti;
d)    se abbia valutato la detta opportunità anche da un punto di vista politico.
 

 
Al signor Sindaco del Comune di Giussano
Matteo Riva

              

LORO SEDI

OGGETTO: interrogazione

I sottoscritti consiglieri Comunali  Emanuela Beacco e Stefano Tagliabue

PREMESSO CHE

-          Il Comune di Giussano risulta essere costituito quale parte civile nel giudizio celebratosi dinnanzi al Tribunale di Monza a carico, tra gli altri, di Franco Riva e Massimo Ponzoni;

 
RILEVATO altresì CHE

-          con sentenza resa lo scorso aprile, il Tribunale di Monza assolveva, con formula dubitativa, Franco Riva dall’accusa di corruzione

VISTO CHE
 
-          dalle notizie emerse dalla stampa risulta che il suddetto capo di assoluzione sia stato appellato dal pubblico ministero.

Tutto ciò premesso

                 
SI CHIEDE

a)     se la Giunta ed il Sindaco abbiano valutato opportunità di impugnare in proprio la sentenza, quale parte civile, art. 576 c.p.p.
b)     se abbiano dato incarico al patrono di parte civile di sollecitare il PM a interporre appello;
c)       ovvero nel caso di riposta negativa e/o di inerzia per quali ragioni Sindaco e Giunta abbiano deciso di rimanere inattivi

17 commenti:

Antonio Fumagalli ha detto...

Che commento si vuole fare. Mi sembra tutto chiaro. La cosa non chiara è... per fortuna Giussano doveva cambiare verso. Peggio di così non so. La gente è sconcertata, disorientata. Come si fa ad andare avanti.

Antonio FUMAGALLI
10/1202014

Anonimo ha detto...

Salve, le volevo porre una domanda che non c'entra nulla con questo post, però visto che lei è molto informata vorrei sapere se mi sa chiarire una cosa: giorni fa stavo navigando sul sito www.stampoantimafioso.it e mi sono imbattuto nelle carte della sentenza del processo Infinito, e ho notato che la Presidenza del consiglio dei ministri,la regione Lombardia e regione Calabria, il comune di Seregno ed altri comuni hanno ricevuto un indennizzo perché si sono costituiti parte civile. Ecco la mia domanda è, ma Giussano non si era costituita anch'essa parte civile in questo processo? Mi scusi se sono andato fuori argomento ma penso che,come le ho già detto, lei sia più informata di me ed indubbiamente lei è anche più pratica di carte di tribunale e sentenze.
Grazie
Luigi.

Anonimo ha detto...

sinceramente la notizia mi lascia perplesso, forse la scelta è dettata dall' amicizia del sindaco con elena Riva? Sono amici?Non so.... Credo comunque che un figlio sia diverso dai genitori e non gli si può addossare le colpe dei genitori, se il padre è coinvolto in vicende giudiziarie tra l'altro non chiare e ancora aperte,non per questo la figlia deve passare come anche lei colpevole, magari è una stimabile professionista nel settore delle revisioni aziendali.
Credo giustO però che il sindaco in una seduta del consiglio , dia le motivazioni di questa scelta, trovo giustissima quindi l'interpellanza fatta da Beacco e Tagliabue. Questo è perchè deve esistere la trasparenza in comune. per escludere infiltrazioni.
francesco.

Anonimo ha detto...

vorrei anche aggiungere....
Cosa sta facendo questa ammistrazione per la disoccupazione giovanile altissima in brianza e anche a Giussano?
Consigliera Beacco lei non ha proposte?
Il comune di Monza ha proposto dei corsi di lingua a un prezzo di molto inferiore a quello di mercato imposto dalle scuole di lingua. Tedesco, inglese e spagnolo queste le lingue. Vi assicuro che adesso cercando tra gli annunci la lingua tedesca è essenziale come l'inglese . chiaramente le ditte italiane al 70% lavorano con l'estero .
Allora questi corsi civici così fatti dal comune di MONZA non possono essere proposti anche a Giussano? abbiamo una biblioteca con aule e spazi, abbiamo anche scuole elementari chiuse la sera e altri spazi...
Io credo che abbiamo una amministrazione assente ai problemi reali della cittadina.


Altra question ::è orribile la rotonda della carrefour davvero da 10 anni senza fiori senza una scritta, una cosa amorfa !!, possibile che non abbiamo l'orgoglio a Giussano di vestire una rotonda che è l'ingresso per tanti nel paese su una strada di forte passaggio.
La politica è anche simboli e anche orgoglio. Non chiedo una statua di alberto da Giussano ma inventarsi qualcosa magari anche con il liceo artistico, o fare un concorso di idee??
Giriamo attorno alcuni comuni del saronnese spendendo pochissimo hanno realizzato bellissime rotonde. Se la rotonda in questione è stata data in gestione il comune verifica come viene gestita se secondo gli accordi??. ponete fine ad un rotondone amorfo e anche sede di numerosi incidenti vista l'altezza di due metri della terra la scarsa visibilità e il resto hanno fatto abbastanza.

alessandro ha detto...

ha ragione in effetti è davvero brutta quando entro in giussano , mi cadono le pa***.

max ha detto...

Siii dai sarebbe bello.
Ma non illuderti, il parcheggio al mascheroni sì di cose per i cittadini belle e reali come una rotonda di ingresso al paese NO SCORDATELA!
Se fossi consigliere lancerei la proposta.

Emanuela Beacco ha detto...

@Luigi Credo di si .http://www.ilcittadinomb.it/stories/Homepage/213505_giussano-seregno_ndrangheta_infinito_i_due_comuni_parte_civile/

francesco@sono d'accordo sul fatto che le colpe dei padri non devono ricadere sui figli.
Sulla capacita' e/o moralità della figlia (che peraltro conosco dai tempi dell'azione cattolica) di Franco Riva) non ho nulla da eccepire.

Questo però non toglie che la scelta della sua nomina è quantomeno inopportuna.

Inopportuna sopratutto perché (come me, che sono stata in maggioranza con lui dal 1999 al 2009) molti della maggioranza di Matteo Riva hanno percorso un tratto di strada amministrativa con l'ex Sindaco.

Lo hanno fatto le tre PIU' ALTE CARICHE DEL NOSTRO COMUNE

L'attuale sindaco, Matteo Riva dal 2004 al 2009 è stato consigliere comunale, eletto nella lista del Sindaco Franco Riva -Riva Sindaco Giussano la nostra Citta'


file:///C:/Users/Utente/Downloads/ComuCons2004.pdf

Del pari lo è stato l'attuale Presidente del Consiglio Comunale, Elli Pierluigi, eletto nelle fila di Giussano Democratica

Sempre sotto l'insegna della lista civica Riva- Giussano La nostra città ha fatto il suo primo mandato (2009-2014) l 'attuale Vicesindaco Emilio Nespoli.

Roberto Soloni, attuale assessore ai lavori pubblici, ha ricoperto la stessa carica dal 2004 al 2009 proprio con Franco Riva

Poi se proprio vogliamo fare i pignoli, l'assessore Emanuela Bellotti, è la moglie del mio ex capigruppo (Sergio Vigano, il miglior capogruppo della nostra vecchia maggioranza, con il quale ho condiviso i banchi consiliari dal 1999 al 2004)

per i giovani abbiamo proposto ' in sede di bilancio alcuni emendamenti sul tema, per trovare risorse ..ma ci sono stati respinti ..per carenza di soldi (http://www.comune.giussano.mb.it/flex/AppData/Redational/AttiGiussano/C201448_10102014_34.pdf)

In realtà, il tema è più ampio..appena vengono pubblicate le delibere, ritorno sull'argomento

Anonimo ha detto...

Grazie Emanuela per la tua risposta, ho letto anche io quell'articolo solo che leggendo la sentenza non trovo alcun riferimento a Giussano.
Luigi

emanuela ha detto...

Mi ricordavo di una somma ..tipo 20.000,00 euro. Se trovo qualcosa la linko.

emanuela ha detto...

In effetti ricordavo bene ..10.000 euro Giussano e 10.000 Seregno

http://www.comune.giussano.mb.it/flex/AppData/Redational/AttiGiussano/G201391.pdf

FRANCESCO ha detto...

allora Emanuela quel francesco@ mi ha inquietato... solo per farmi sapere che hai capito chi scrive?
si sono quello che ti proponeva una lista durante la campagna elettorale :-)


Alla fine questa figlia di Riva, Elena,ci siamo messi d'accordo non ha le colpe del padre...ma poi non è in giunta comunale ma semplicemnete revisore dei conti dell'asilo...parliamo dell'asilo... insomma non facciamone un dramma.
ma chiedo l'aliprandi è in fallimento??
Cosa fa un revisiore dei conti? questa elena cosa dovrebbe fare , relazionerà il suo operato al consiglio??



La cosa triste anzi tristissima è trovare un giovane sindaco di 30 che dovrebbe essere aperto al cambiamento invece non sa scegliere !
vivendo di ricordi passati e appoggiato da uno squallido background oratoriale.

Anonimo ha detto...


sindaco indatto e poco trasparente forse è parente di franco Riva?

sabry

emanuela ha detto...

Francesco79... fatti vivo!

Se dovessi fare un bilancio dei primi 180 giorni di governo dell'amministrazione del cambio verso, mi verrebbe da dire che Matteo Riva, quando ha deciso di candidarsi a Sindaco lo ha fatto senza avere la minima idea di cosa questo significasse...

Anonimo ha detto...

Le strane dimissioni all'Ufficio Tecnico. A pensar male si fa' peccato...


Anonimo ha detto...

Purtroppo il problema è che se andiamo a vedere i consigli di amministrazione di molte società partecipate dai comuni, oltre a referenti dei partiti sono piene di parenti. Che tutto questo sia legittimo e che molte persone possano essere competenti non c'è alcun dubbio. In un momento però di distaccamento così forte, non solo con la politica, ma con le istituzioni stesse, ci penserei due volte (riproponendo il bando?) a fare certe nomine (ripeto comunque legittime), visto inoltre che molti emolumenti non sono scritti, in spregio alla trasparenza. Alla luce anche del fatto che tutti i parenti di consiglieri ed assessori fino alla terza generazione non possono partecipare a certi bandi.

Riguardo alle proposte dei messaggi precedenti molte sono interessanti, vi invito perciò a scrivere a sindaco e assessori, visto che loro hanno la possibilità primaria di farle. Vorrei appuntare solo due cose:
1) Regione Lombardia propone molti corsi gratuiti http://www.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Page&childpagename=Cittadini%2FRegioneLayout&cid=1213310250597&p=1213310250597&pagename=CTTDNWrapper

2) per quanto riguarda il Mascheroni, al di là dei giudizi di merito specifici che non so dare, attenti a demonizzare, senza essere sicuri di come si sono svolti i fatti, chi comunque porta ricchezze alla comunità (se non sbaglio la pubblicità del mascheroni si trova anche sulla tangenziale est)

Giacomo Viganò

Anonimo ha detto...

la vicenda elena riva è archiviata come da notizia giornale di carate e cittadino:
la storia è che sono arrivati c.vitae in comune e si è preferito una giovane, che a una persona che aveva già collaborato.
tutto trasparente?

emanuela ha detto...

Io - per non sapere, come si dice, né leggere né scrivere- avrei riaperto i termini del bando..
Ma si vede che al Sindaco, o chi per esso...andava bene così..